Latte: pubblicato il decreto che obbliga ad indicare l’origine

latte-370x230È stato appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che ha reso obbligatorio per i produttori di latte e di molti latticini prodotti e venduti in Italia indicare nell’etichetta il paese di origine del latte, così da permettere ai consumatori di sapere con certezza se si tratta o meno di latte italiano

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Nasce CoFood, innovazione e consulenza in campo alimentare

cofood-logo-300x147

il logo di CoFood è un melograno, simbolo secondo la cultura greca di completezza e di interrelazione dinamica volta al continuo progresso della conoscenza

CoFood Network nasce grazie all’intraprendenza di sei professionisti del mondo della consulenza agroalimentare, legale, commerciale e sanitaria. È una rete di professionisti livello nazionale che si pone al servizio degli operatori dei settori alimentare e mangimistico. Ciò che distingue CoFood è l’interdisciplinarietà tramite l’apporto originale e innovativo di ciascun professionista aderente al network: ogni attività di CoFood è infatti il frutto della cooperazione diretta e indiretta tra figure professionali di diversi settori scientifico-disciplinari. Continua a leggere

Fritti: il ristoratore può riutilizzare l’olio?

t-oil270L’olio per frittura può essere nocivo per la salute dell’uomo se riutilizzato troppe volte per friggere cibi. Per questo motivo i ristoratori devono rispettare precisi obblighi e limiti di legge in caso di riutilizzo degli oli per frittura e rischiano sanzioni severe, anche penali, in caso di violazione…

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it 

Igiene degli alimenti: legale rappresentante non sempre responsabile

Nelle catene di supermercati o punti vendita di alimentari il responsabile per l’igiene degli alimenti è il gestore del singolo punto vendita e non il legale rappresentante della società se la violazione dipende dalla gestione del singolo negozio.

supermercatoLa responsabilità per la violazione delle norme sulla sicurezza e l’igiene degli alimenti commessa in un punto vendita di una catena di supermercati o negozi di alimentari è del responsabile del singolo negozio, anche in assenza di una specifica delega

continua a leggere l’articolo su laleggepertutti.it

Se l’etichetta di un alimento non indica le sostanze allergeniche

pic5Allergie alimentari: quale tutela ha il consumatore che, acquistando un prodotto alimentare in un supermercato, sviluppa una reazione per un’intolleranza a una delle sostanze allergeniche contenute nel cibo?

Chi soffre di allergie o intolleranze alimentari è attento a quali cibi consuma. Può accadere però che l’etichetta dell’alimento acquistato o il menu del ristorante non indichino la presenza di sostanze allergeniche…

Leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Un alimento che ho comprato mi ha fatto male: a chi chiedo i danni?

intossicazione-alimentareHo comprato un alimento al supermercato e dopo averlo consumato sono stato male, posso chiedere il risarcimento del danno? A chi: al supermercato o al produttore?

Può capitare che un cibo acquistato al supermercato provochi dei danni alla salute, più o meno gravi, al consumatore. Chi subisce un danno ha diritto di chiedere il risarcimento…

leggi il resto dell’articolo su laleggepertutti.it

Olio di oliva dalla Tunisia: occhio all’etichetta

2510-23810-la-tunisie-s-attend-a-une-production-exceptionnelle-d-huile-d-olive-au-terme-de-la-campagne-20142015_L-433x324
L’Europa ha aperto le frontiere all’olio di oliva proveniente dalla Tunisia e in tanti stanno protestando per la concorrenza rispetto all’olio italiano e per il fatto che l’olio straniero sarebbe di qualità più scarsa e meno sicuro. Una attenta lettura dell’etichetta può farci stare tranquilli.

Grazie ad un accordo tra Unione europea e Tunisia [1], dal 2005 i produttori tunisini possono esportare in Europa fino a 56.700 tonnellate l’anno del loro olio d’oliva senza pagare alcun dazio. In queste settimane in tanti hanno polemizzato contro questa misura, specialmente le associazioni dei produttori…

Leggi l’intero articolo su laleggepertutti.it