Esportare negli Emirates e nei Caraibi: lo studio dell’Avv. Iurato representative delle camere di commercio italiane all’estero

10003640_606886032746845_3093632990552328002_o logo_chamber_caribbean-e1507613255999

Dal 2018 l’Avv. Iurato è representative per la provincia di Bologna della Camera di Industria e Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti e della Camera di Commercio Italiana nei Caraibi, associazioni finalizzate a favorire l’internazionalizzazione delle Imprese italiane e a promuovere il Made in Italy all’estero. In questo modo lo studio dell’avv. Iurato è in grado di fornire consulenza alle aziende che vogliano esportare i propri prodotti negli EMIRATES (Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujaira, Ras al-Khaima, Sharja e Umm al-Qaywayn), in FLORIDA, in MESSICO e nelle   isole caraibiche (Bahamas, Cuba, Isole Cayman, Panama, Belize, Rep. Dominicana, Giamaica, Porto Rico, Antigua, Barbados e St. Maarten). Le camere di commercio accompagnano le Aziende italiane in ogni fase del processo d’internazionalizzazione direttamente sul territorio, tramite le loro sedi centrali rispettivamente di Dubai, di Miami e di Playa del Carmen che offrono soluzioni su misura per Imprese ed Istituzioni Italiane, ma anche locali, che desiderano accedere ai rispettivi mercati.

 

Annunci

Indennizzo alle vittime di reati violenti: elemosina di Stato?

Le vittime di reati violenti potranno finalmente chiedere allo Stato un indennizzo se non otterranno il risarcimento dal colpevole. Si tratta però di pochi spiccioli riservati a chi ha un reddito bassissimo.

coins-1760898_640.jpg

Il governo ha finalmente approvato il decreto chiesto dall’Unione europea che riconosce alle vittime di reati violenti un indennizzo pagato dallo Stato [1]. La misura è deludente e inefficace e si presenta quasi come un’elemosina di Stato che rischia di insultare le vittime, piuttosto che risarcirle…

continua a leggere su laleggepertutti.it

Droga in internet: quali rischi per chi acquista

Acquistare droga su internet per uso esclusivamente personale non è reato, ma si tratta comunque di un acquisto rischioso che può comportare sgradevoli conseguenze legali per l’acquirente.

syringe-1884784_640Il mercato della droga su internet è in costante crescita, nonostante i ripetuti tentativi della polizia di contrastarlo. L’anonimato e l’acquisto di pochi grammi per usoesclusivamente personale non escludono tuttavia il rischio di controlli e sanzioni per gli acquirenti…

continua a leggere su laleggepertutti.it

Sicurezza alimentare: arriva il rating per le aziende

horizontal-2520940_640I consumatori europei potranno presto scegliere la marca preferita dei cibi o il ristorante anche grazie al rating che sarà assegnato a produttori e rivenditori sulla base dei controlli relativi al rispetto delle norme che disciplinano l’intera filiera alimentare. Il nuovo regolamento europeo sui controlli ufficiali nella filiera alimentare ha introdotto un’interessante novità che potrebbe cambiare non poco il rapporto tra operatori del settore e autorità di controllo, nonché tra gli stessi operatori e i consumatori. Si tratta del rating, che sarà introdotto per tutti gli operatori della filiera alimentare, dal campo alla tavola, sarà pubblico e valuterà vari indici di conformità alla legge, dalla sicurezza alimentare al benessere degli animali.

Continua a leggere l’articolo dell’Avv. Iurato su laleggepertutti.it

Ristoranti: è obbligatorio indicare la provenienza degli ingredienti?

Ristoranti e pizzerie non hanno l’obbligo di indicare ai clienti la provenienza degli ingredienti usati negli alimenti da loro preparati, ma quando lo fanno volontariamente le indicazioni devono essere veritiere e non ingannevoli.

Ristoranti: è obbligatorio indicare la provenienza degli ingredienti?I clienti degli esercizi di ristorazione hanno il diritto di conoscere gli ingredienti utilizzati per la preparazione degli alimenti, ma i ristoratori non hanno nessun obbligo di informarli anche sulla provenienza, a meno che …

… continua a leggere su laleggepertutti.it

Cyberbullismo: cosa prevede (davvero) la nuova legge

La legge sul cyberbullismo introduce per la prima volta in Italia norme dedicate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno che ha per protagonisti e vittime i minorenni, con il coinvolgimento diretto delle scuole.

Cyberbullismo: cosa prevede (davvero) la nuova leggeDa oggi i minorenni vittime di cyberbullismo e i loro genitori potranno contare su maggiori tutele grazie all’introduzione di norme che mirano a prevenire e contrastare più efficacemente i fenomeni di bullismo informatico

continua a leggere su laleggepertutti.it