Andrea Iurato nuovo equity partner in Ls Lexjus Sinacta

WhatsApp Image 2019-12-12 at 10.29.38Ls Lexjus Sinacta incrementa e sviluppa le sue attività nel settore del diritto agroalimentare con l’ingresso di un nuovo equity partner, Andrea Iurato, che ha maturato una pluriennale esperienza di ricerca scientifica in materia, assiste imprese italiane ed estere del settore agroalimentare, vantando consolidate partnership con professionalità tecniche e scientifiche capaci di fornire al cliente un servizio interdisciplinare e votato all’innovazione.

Iurato – che era titolare dell’omonimo studio Andrea Iurato – è altresì co-founder e responsabile del legal department presso CoFood, un network professionale per l’innovazione, la consulenza legale, tecnica e commerciale per il settore alimentare e mangimistico.

In particolare il focus di Ls nel settore agroalimentare sarà rivolto alle normative italiane ed europee, ma soprattutto sarà al servizio di quelle aziende interessate all’export sui mercati Nord e Centro America, Medio e Estremo Oriente, Europa Orientale ed Asia con particolare riferimento a Cina ed India. L’assistenza sarà rivolto all’intera filiera industriale dalla produzione agricola, alla trasformazione e alla commercializzazione.

Fonte: toplegal.it

LS_LEXJUS_logonline.png

 

Webinar gratuito – etichettatura alimentare negli standard UE – FDA – CFIA

ext

Vida Software e CoFood vi invitano a 6 WEBINAR GRATUITI SULL’ETICHETTATURA NEGLI STANDARD UE – FDA – CFIA Il percorso si articola in 6 webinar gratuiti organizzati da VIDA in collaborazione con CoFood (VIDA.Partner e VIDA.Point). Per singolo standard (UE-FDA-CFIA) sono programmati 2 webinar. Ciascun argomento sarà infatti trattato prima sotto il profilo legale e successivamente sotto il profilo consulenziale. Ogni singolo webinar sarà quindi una opportunità per rimanere aggiornato sulla normativa e chiarire i tuoi dubbi direttamente con gli esperti.

Qui il link all’iscrizione gratuita

Di seguito il calendario del corso: Continua a leggere

Cibo made in Italy: quando possiamo fidarci

made-in-italyPer molti prodotti alimentari non vige alcun obbligo di indicazione dell’origine i recenti interventi del governo italiano si sono scontrati con una legislazione europea poco severa e attenta. È davvero difficile allora essere certi che un prodotto sia davvero made in Italy, ma una lettura attenta dell’etichetta può aiutare a individuare i prodotti e i marchi più affidabili. Ma procediamo con ordine e vediamo quando possiamo fidarci di un cibo made in Italy…

Leggi il resto dell’articolo dell’Avv. Iurato su laleggepertutti.it

Riders e consegna cibo a domicilio: è sicuro?

consegna-pizza-express-app-tecnologiche-600x375Il cibo che ci viene consegnato a domicilio è sicuro? Cosa sappiamo del cibo acquistato online o al telefono? La legge stabilisce che il trasporto di cibotramite bici o moto deve rispettare requisiti di igiene e sicurezza, i riders devono ricevere un’adeguata formazione e i cibi devono essere accompagnati dalle indicazioni sull’eventuale presenza di allergeni.

Leggi il resto dell’articolo dell’Avv. Iurato sul sito laleggepertutti.it

Pubblicità cannabis light: è legale?

cannabis-marijuana-pianteAbbiamo già parlato in un precedente articolo (“Cannabis: una guida alla produzione legale”) della forte crescita in Italia della coltivazione della canapa, conosciuta anche come cannabis e del mercato dei prodotti da essa derivati: alimentari, cosmetici, indumenti, prodotti da collezionismo e altro ancora. Nel 2016 il Parlamento ha anche approvato una legge [1] che stabilisce i casi nei quali le piante di canapa possono essere legalmente coltivate e quali prodotti possono essere fabbricati e commercializzati senza rischio di sanzioni.

Continua a leggere l’articolo dell’Avv. Iurato su laleggepertutti.it

Cannabis: una guida alla produzione legale

cannabis-marijuana-piante.jpgColtivare cannabis e fabbricare prodotti di consumo che la contengono è legale se si rispettano le norme previste dalle leggi in materia e sono anzi previsti aiuti e incentivi pubblici per i produttori. In questa breve guida rivolta a produttori e consumatori cercheremo di distinguere cosa è legale e cosa non lo è per avvicinarci ad un argomento che per molti anni è stato tabù ed evitare al tempo stesso brutte sorprese…

Continua a leggere l’articolo dell’Avv. Iurato sul sito laleggepertutti.it

Esportare negli Emirates e nei Caraibi: lo studio dell’Avv. Iurato representative delle camere di commercio italiane all’estero

10003640_606886032746845_3093632990552328002_o logo_chamber_caribbean-e1507613255999

Dal 2018 l’Avv. Iurato è representative per la provincia di Bologna della Camera di Industria e Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti e della Camera di Commercio Italiana nei Caraibi, associazioni finalizzate a favorire l’internazionalizzazione delle Imprese italiane e a promuovere il Made in Italy all’estero. In questo modo lo studio dell’avv. Iurato è in grado di fornire consulenza alle aziende che vogliano esportare i propri prodotti negli EMIRATES (Abu Dhabi, Ajman, Dubai, Fujaira, Ras al-Khaima, Sharja e Umm al-Qaywayn), in FLORIDA, in MESSICO e nelle   isole caraibiche (Bahamas, Cuba, Isole Cayman, Panama, Belize, Rep. Dominicana, Giamaica, Porto Rico, Antigua, Barbados e St. Maarten). Le camere di commercio accompagnano le Aziende italiane in ogni fase del processo d’internazionalizzazione direttamente sul territorio, tramite le loro sedi centrali rispettivamente di Dubai, di Miami e di Playa del Carmen che offrono soluzioni su misura per Imprese ed Istituzioni Italiane, ma anche locali, che desiderano accedere ai rispettivi mercati.

 

Sicurezza alimentare: arriva il rating per le aziende

horizontal-2520940_640I consumatori europei potranno presto scegliere la marca preferita dei cibi o il ristorante anche grazie al rating che sarà assegnato a produttori e rivenditori sulla base dei controlli relativi al rispetto delle norme che disciplinano l’intera filiera alimentare. Il nuovo regolamento europeo sui controlli ufficiali nella filiera alimentare ha introdotto un’interessante novità che potrebbe cambiare non poco il rapporto tra operatori del settore e autorità di controllo, nonché tra gli stessi operatori e i consumatori. Si tratta del rating, che sarà introdotto per tutti gli operatori della filiera alimentare, dal campo alla tavola, sarà pubblico e valuterà vari indici di conformità alla legge, dalla sicurezza alimentare al benessere degli animali.

Continua a leggere l’articolo dell’Avv. Iurato su laleggepertutti.it